Sia che tu preferisca ascoltare musica in streaming in auto o ascoltare i podcast più in voga, le probabilità sono che ci sia una sorta di contenuto audio che ti piace consumare.

Anch’io sono una di quelle persone che devono sempre ascoltare qualcosa. Che si tratti di una nuova playlist di Spotify o dell’ultimo episodio di un podcast, utilizzo praticamente ogni occasione per consumare contenuti udibili.

Con i consumatori che trascorrono più tempo da soli o a casa nel 2020, gli esperti di marketing hanno notato un forte aumento dei contenuti audio e dell’ascolto.

Questo non è scioccante. Negli ultimi anni i consumatori si sono sempre più allontanati dai tradizionali contenuti TV a favore di piattaforme mobili o online, in particolare quelle che promuovono e producono contenuti audio.

A questo punto, gli esperti di marketing stanno prendendo atto delle opportunità audio. Il comportamento di ascolto dei consumatori ha creato un’enorme opportunità per i professionisti del marketing, in particolare quelli del settore B2B, di creare contenuti di marca e udibili. L’audio è spesso associato al marketing di consumo, ma questo tipo di ipotesi crea un’opportunità mancata per i marchi B2B.

Dopotutto, qui su HubSpot, creiamo contenuti per professionisti del marketing e delle vendite in una varietà di formati e, se leggi il nostro blog, non è un segreto che ti tormentiamo costantemente per fare lo stesso, anche con l’audio. Quindi esploriamo i modi in cui si può fare, iniziando con uno sguardo alla scienza dietro l’atto di ascoltare.

Il processo di ascolto

Prima di iniziare a creare contenuti audio, potrebbe essere utile capire come e perché le persone ascoltano. L’atto di ascoltare, secondo Merriam-Webster, è “ascoltare ciò che qualcuno ha detto e capire che è serio, importante o vero”.

Aiuta anche a soddisfare diversi obiettivi fisiologici. Ascoltiamo per cambiare il nostro umore, stare all’erta e capire cose. Negli umani, è stato così per tutto il tempo in cui siamo esistiti. Il processo inizia quando riceviamo stimoli uditivi, che i nostri cervelli devono quindi interpretare. È aiutato da altri sensi – come la vista – e ci aiuta a capire meglio cosa stiamo ascoltando.

Una volta che i nostri cervelli hanno interpretato questi segnali uditivi, seguiamo una serie di passaggi che consistono nel ricordare, valutare e rispondere alle informazioni che consumiamo:

Hurier_Listening_Process.png

È il terzo passo del processo – ricordando – che potrebbe essere il più importante per gli esperti di marketing. Numerosi studi hanno scoperto come l’ascolto inneschi una rete diffusa di attività in tutto il cervello. Quell’attività è ciò che collega gli stimoli uditivi così fortemente alla memoria.

Questo potrebbe essere il motivo per cui amiamo parlare di cose che abbiamo ascoltato, come una grande canzone, per esempio. In realtà stiamo condividendo una storia sulla nostra memoria di ciò che abbiamo ascoltato. E questo ritorna a ciò che facciamo come esperti di marketing. Condividiamo le storie di e sui nostri marchi in un modo che attirerà l’attenzione delle persone e ci ascolterà.

Quindi, iniziamo e iniziamo a creare contenuti che le persone ascolteranno.

1. Creare o sponsorizzare podcast con marchio.

Secondo Edison Research, l’ascolto di podcast è in costante aumento dal 2006. Nel 2018, l’ascolto di podcast ha registrato un aumento del 26% su base annua.

Oltre all’ascolto, anche le entrate del podcast sono cresciute. Entro il 2021, la spesa pubblicitaria per podcast dovrebbe raggiungere i 354 milioni di dollari.

Statistic: Podcast advertising spending in the United States from 2010 to 2020 (in million U.S. dollars) | Statista

Le persone spesso commettono l’errore di pensare che i podcast siano in gran parte rivolti ai consumatori. Pensiamo a quelli trasmessi dalla radio pubblica o ospitati da celebrità per le masse di pendolari annoiati che cercano di passare il tempo. Ma in realtà, ci sono un certo numero di podcast B2B là fuori, come Duct Tape Marketing, ZenDesk’s Relate e The Growth Show di HubSpot.

Ma quando si tratta di creare podcast con marchio, molti esperti di marketing B2B fanno obiezioni simili a quelle che sentivamo sui blog, come “Non ho tempo” o “Non ho niente da dire“.

I podcast, come i blog, seguono i pilastri del marketing in entrata, in quanto stai creando contenuti educativi preziosi per le persone che cercano informazioni su ciò che fa meglio la tua attività. Questo è un modo in cui funziona The Growth Show, ad esempio. Poiché il software di marketing, vendite e CRM di HubSpot comprende uno stack di crescita, utilizziamo il nostro podcast per discutere argomenti correlati con i leader aziendali che hanno realizzato una notevole crescita e che hanno buone storie.

Riproporre blog come podcast

Se ti senti ancora un po ‘incerto sulla creazione di un podcast originale, puoi iniziare su una scala più piccola riutilizzando i tuoi contenuti esistenti.

Su alcuni blog, potresti aver trovato l’opzione per ascoltare una versione audio del post. Questo è un modo abbastanza semplice per le aziende di creare contenuti udibili originali: prendi ciò che hai già scritto e trasformalo in una versione parlata.

Esistono diversi modi per farlo. Alcuni marchi trasformano i loro post sul blog in podcast completi di varia lunghezza, completi di introduzione, musica, citazioni ed effetti sonori. Questo è ciò che la National Public Radio – meglio conosciuta come NPR – fa spesso con le sue varie storie. Notate come questo pezzo, ad esempio, abbia sia testo che audio, l’ultimo dei quali può essere ascoltato di seguito.

2. Produrre audiogrammi brevi o lunghi.

Un audiogramma è un soundbite registrato in cui puoi spiegare o promuovere qualcosa abbastanza rapidamente. È leggermente diverso da una pubblicità in quanto non devi necessariamente pagare per promuoverlo e non hai necessariamente bisogno di un invito all’azione. I marchi hanno sperimentato frammenti audio, che sono brevi suoni, nonché annunci registrati di forma più lunga.

Frammenti audio

Gli audiogrammi possono anche essere condivisi su Instagram, che è “prima mobile, quindi le probabilità sono buone che la gente abbia le cuffie”. Ma incoraggia a fornire un contesto: non pubblicare solo uno snippet su un’immagine e aspettarti che le persone ne comprendano lo scopo. “Gli audiogrammi sono sempre migliori“, spiega, “se incorporano testo o didascalie di qualche tipo”.

3. Streaming audio su Facebook.

finalhero.png

Nel dicembre 2016, Facebook ha annunciato la sua ultima funzione di contenuto dal vivo: Live Audio. “A volte”, leggi l’annuncio ufficiale, “gli editori vogliono raccontare una storia su Facebook con parole e non video”. Ciò è generalmente dovuto a due motivi:

L’audio richiede spesso una manutenzione leggermente inferiore rispetto al video, in quanto richiede meno hardware, come le telecamere, e una connettività inferiore.
È anche un po ‘più semplice per l’ascoltatore. “L’audio è un modo molto basso impegno per consumare contenuti”, spiega Hunersen. “Posso avere l’audio aperto nel mio browser e ascoltare qualcosa come farei un podcast, anche se non lo guardo contemporaneamente su Facebook“.
Facebook Live Audio è volato un po ‘sotto il radar da questo annuncio e non è ancora chiaro se sia effettivamente disponibile o meno per gli esperti di marketing – finora non lo abbiamo visto usato. Inoltre, Hunersen spiega, “È presumibilmente disponibile solo su dispositivi Android”.

Tuttavia, presenta un’altra opzione di distribuzione del contenuto audio per i professionisti del marketing: raddoppiare una registrazione podcast come trasmissione di Facebook Live.

Come funziona esattamente? Bene, forse hai visto video di conduttori radiofonici che trasmettono in diretta video di se stessi nello studio di registrazione e condividono una versione visiva delle interviste che stanno conducendo, per esempio. Ecco un esempio di una stazione radio tedesca che ha creato questo tipo di contenuti con il musicista indipendente Astronautalis:

4. Sfrutta altri contenuti vocali

Quando gli esperti di marketing si propongono di creare contenuti, l’accessibilità non è sempre qualcosa di importante. Per le persone con disabilità visive, ad esempio, qualcosa come un’infografica o un diagramma di flusso non è il contenuto più consumabile.

Questo è solo uno dei motivi per cui adattare i tuoi contenuti visivi e scritti alle versioni audio può essere così prezioso. Non solo crea un modo per consumare ciò che hai creato in modo portatile, ma lo stai anche rendendo disponibile a un pubblico più ampio.

È come creare versioni udibili di libri, ad esempio, che consente alle persone di divertirsi o consumare romanzi o saggistica quando la lettura non è un’opzione, come durante la guida. I marketer B2B possono fare la stessa cosa con i loro e-book e white paper.

Ma assicurati che sia ancora interessante per l’ascoltatore. Non c’è niente di meno coinvolgente, ad esempio, di una dettatura computerizzata del contenuto scritto. Quando registri le versioni vocali di questi contenuti, assicurati che vengano letti ad alta voce da qualcuno che può apportare energia alle parole, invece di recitarle in modo monotono.

5. Creare un annuncio audio.

Non hai tempo per creare contenuti individuali o co-brand? Puoi anche prendere in considerazione la creazione di un breve annuncio audio che potrebbe apparire su un podcast, una radio. spettacolo o servizio di streaming.

Con questo metodo, i morsi del suono che dovrai produrre saranno più brevi e richiederanno meno tempo. Tuttavia, a causa della grande quantità di contenuti audio disponibili, potrebbe essere più difficile determinare dove dovrebbero essere collocati i tuoi annunci pubblicitari e dove posizionare i tuoi annunci.

Ecco un esempio di un annuncio pubblicitario di Hendrick’s Gin che Gimlet è stato distribuito su numerosi podcast e visualizzato sulla sua pagina pubblicitaria.