I tuoi potenziali, attuali ed ex dipendenti, clienti e venditori si ritrovano tutti su siti di social media come LinkedIn, Facebook, Twitter, YouTube e Flickr.

Devi monitorare i social media per scoprire cosa condividono e dicono tutti questi stakeholder sulla tua azienda, i tuoi dipendenti e il tuo posto di lavoro.

Usa i social media a vantaggio della tua azienda. Shama (Hyder) Kabani, autrice dello Zen del Social Media Marketing e presidente di Click to Client, una società di web marketing a servizio completo, chiede: “Cosa stanno dicendo di te, della tua azienda e delle tue pratiche? Meglio ancora – come stai rispondendo?

Avere una politica sui social media in atto non significa che puoi dettare la tua immagine. Ma interagisci responsabilmente nella conversazione che forma la tua immagine. E puoi aiutare i tuoi dipendenti a fare lo stesso. ”

Perché sono necessarie una politica sui social media e le migliori pratiche aziendali
Kabani afferma: “Il mondo sta cambiando rapidamente e il modo in cui comunichiamo sta cambiando ancora più velocemente. Non è solo la Gen Y che blog e twitter – è un fenomeno in crescita abbracciato da tutte le generazioni. Ci sono grandi benefici per la tecnologia di oggi e il suo uso diffuso, ma ci sono anche alcuni rischi, come sottolineato da Raj Malik di Network Solutions “.

Scrive che “commenti o post online non autorizzati o inappropriati possono:

“Prendi la compagnia e te, in difficoltà legali con gli Stati Uniti e altre agenzie governative, altre società, clienti o il pubblico in generale.

“Diminuisci il marchio aziendale creando pubblicità negativa per l’azienda, i proprietari e i partner, nonché per te o il tuo team.
“Causare danni alla Società rilasciando informazioni non pubbliche o informazioni proprietarie.
“Ci è costato la capacità di ottenere brevetti o di minare il nostro vantaggio competitivo.
“Ti è costato il lavoro presso l’azienda.”

Suggerisce che la maggior parte di questi non guasterà le aziende se i dipendenti usano il buon senso e il buon senso nelle loro interazioni online.

10 passaggi per una politica sui social media
Kabani, che è stata nominata una delle 10 donne più influenti e potenti nei social media, suggerisce questi dieci passaggi per creare le linee guida e la strategia dei social media della tua azienda.

Stabilisci dove si trova la tua azienda sui social media

Risultati immagini per Social Media Policy

Decidi dove si trova la tua azienda rispetto alla relazione desiderata con i social media. Devi anche decidere dove ti trovi relativamente al monitoraggio dell’uso dei social media da parte dei dipendenti. Devi determinare fino a che punto la tua azienda desidera utilizzare i social media per il riconoscimento del marchio, coinvolgere i tuoi clienti e dipendenti nella conversazione e favorire le vendite.

Kabani chiede: “Sceglierai di comunicare solo in risposta a ciò che dice qualcun altro? Sarai proattivo nel coinvolgere la comunità (consumatori e blogger)?

Senza un modo globale di pensare ai social media, può essere molto difficile creare una politica “.

Determina ciò che costituisce i social media
Kabani afferma che ogni organizzazione deve definire per proprio uso ciò che costituisce i social media. “Mentre un blog e LinkedIn possono essere facilmente classificati come social media, che dire dei video online? Che dire di Twitter?

Cosa costituisce veramente i social media? Devi avere la tua (preferibilmente) definizione scritta. Ciò è particolarmente vero perché emergono continuamente nuovi siti Web e strumenti. La mia definizione personale di social media è qualsiasi sito Web o mezzo (incluso il video) che consenta la comunicazione all’aperto. ”

Elettronica di proprietà dell’azienda fornita ai dipendenti

Come per qualsiasi contenuto offline o online scritto, utilizzato, ricevuto, sviluppato o salvato nell’elettronica di proprietà dell’azienda fornita ai dipendenti, chiarire chi possiede cosa. Non c’è dubbio, ad esempio, su un blog personale, scritto da un dipendente, sul suo tempo. Se lascia il tuo impiego, il blog e il contenuto gli appartengono.

Tuttavia, il contenuto del suo laptop e cellulare di proprietà dell’azienda e il contenuto che ha scritto per il sito Web dell’azienda, probabilmente appartengono, per politica scritta, alla società.

Nei social media, la tua azienda ha un account Twitter o una pagina Facebook, come esempi? La società deve assicurare che la proprietà di questi account di social media appartenga alla società, non al dipendente la cui attuale occupazione include la registrazione e il monitoraggio di questi account. La tua politica deve coprire chi possiede cosa nella sfera dei social media.

Rispetto dei diritti sulla privacy

Mantenere le informazioni riservate e proprietarie private. Rispettare i diritti alla privacy di altri dipendenti e clienti. Le politiche sui social media devono affrontare la questione della riservatezza delle informazioni proprietarie e personali.

Kabani afferma: “A causa della natura casuale di questi siti, è più facile fornire informazioni chiave senza accorgersene. Anche i messaggi privati ​​non sono sempre sicuri. Ogni sito ha le sue fallibilità. È meglio che i dipendenti non condividano mai informazioni riservate o proprietarie utilizzando i social media, né pubblicamente né privatamente. “