Ora che i membri più giovani della generazione del Millennio – a lungo un obiettivo demografico primario per i marketer – sono entrati nella forza lavoro, la generazione successiva nel nostro continuum umano sta diventando maggiorenne.

Non stiamo più commercializzando solo “Me Generation”: i marketer incontrano la Gen Z, la generazione di tolleranza e inclusione. E i suoi membri più anziani stanno entrando nel mondo del lavoro, la Generazione Z è nata tra il 1995 e il 2010 circa.

I millennial – alias Gen Y – sono in circolazione da abbastanza tempo perché i marchi sviluppino una conoscenza approfondita di ciò che guida i loro comportamenti di acquisto – ma per quanto riguarda la prossima generazione?

L’attributo eccezionale della Gen Z, la coorte demografica che segue direttamente i Millennials, è che sono la prima generazione che non ha mai conosciuto un mondo che non brulica di tecnologia. La Gen Z è cresciuta interamente in un’era di smartphone, tablet e social media. Nomi alternativi per questo gruppo – iGeneration, Gen Tech, Gen Wii – riconoscono questo tratto distintivo.

Se stai pianificando una campagna di marketing rivolta a questo gruppo, è importante sapere cosa li separa dai precedenti sottogruppi demografici. Ciò significa non solo conoscere il modo in cui preferiscono comunicare e quali canali di comunicazione preferiscono, ma anche le altre sottili ma importanti differenze tra Gen Z e Millennials che devono essere riconosciute nella pianificazione di un’efficace strategia di marketing.

Related image

In che modo la Gen Z differisce dai millennial

Ci sono state molte discussioni negli anni sulle caratteristiche del Millennial o Me Generation e su cosa le distingue dai loro predecessori. La generazione X, ad esempio, era più nota per la sua fiducia e il suo amore per l’esperienza sul consumo – ma in che modo la generazione Z differisce in modo più marcato dai millennial?

Questa è una domanda cruciale per i marketer a cui rispondere poiché la Gen Z è pronta a superare il numero dei Millennial entro la fine del 2019. Vale la pena conoscere una conoscenza approfondita delle forze che guidano questa generazione e le sue decisioni di acquisto.

In generale, c’è un tema generale di autenticità con questa generazione. I segni distintivi includono la necessità di espressione individuale, unita a una propensione all’inclusione radicale. Sono molto più tolleranti rispetto alle differenze e alle preferenze individuali rispetto ai loro predecessori: questa differenza nella visione del mondo è particolarmente evidente nei loro atteggiamenti sulla fluidità di genere, ma si estende a quasi tutte le altre caratteristiche o scelte personali. La Gen Z vuole solo che tu ti faccia.

Anche la Gen Z fa amicizia sia di persona che online e tende a dare uguale peso a ogni tipo di amicizia. Immagina le implicazioni di ciò per il marketing degli influencer: questa tendenza spiega perché le interazioni autentiche tra influenzatori e fan siano così importanti in questi giorni, gli influenzatori stanno davvero diventando sempre più amici. La Gen Z è ancora più probabile rispetto ai Millennials alla ricerca di prodotti e servizi attraverso i social media e cercano fonti attendibili per guidarli nel loro processo.

Ricevi quotidianamente notizie sui social media come questa. Abbonati ai social media oggi:
Email: icona email Iscriviti
Mentre i Millennial – o la Gen Y – notoriamente preferiscono pagare per le esperienze – come dire, un viaggio a Machu Picchu – la più pragmatica Gen Z preferirebbe avere cose interessanti in mano, dove possono vederle. In ancora un altro cenno al loro pragmatismo, la Gen Z ha anche meno probabilità di svolgere un lavoro freelance rispetto alla Gen Y, preferendo un lavoro a tempo pieno costante.

Per aiutare a dare un senso a tutti i dettagli sulla Gen Z, abbiamo fatto un elenco di alcuni dei tratti più importanti da considerare quando si commercializza a questo pubblico, insieme a informazioni pertinenti su ciò che significano per te come marketer.

Definizione delle caratteristiche della Gen Z e di cosa significano per gli esperti di marketing

Premono l’autenticità e l’inclusione e richiedono lo stesso dei loro influenzatori preferiti

La Gen Z non solo brama l’autenticità, ma apprezza l’unicità e ha molte più probabilità di abbracciare le differenze individuali rispetto alle generazioni precedenti.

Questo è il motivo per cui i nano-influenzatori – influenzatori che sono persone reali con seguaci da 2.000 a 10.000 – sono più apprezzati come fonti di informazioni per le decisioni di acquisto della Z di Z-influenzatori rispetto ai macro-influenzatori come Kendall Jenner o Zoe Sugg, che a volte possono essere pagati centinaia di migliaia di dollari per un post sponsorizzato.

Non puoi trascinare la lana sugli occhi collettivi di questa generazione – non sono così fedeli ai marchi in quanto si aspettano che i marchi siano fedeli a loro – così come trasparenti nelle loro comunicazioni. Se vuoi clienti di Gen Z, devi prima dimostrare la tua dignità a loro. Questa generazione è tutta una questione di credibilità.

Per questo, dovresti prendere in considerazione la ricerca di nano-influenzatori il cui stile di comunicazione e identità visiva si allineano bene con il messaggio del tuo marchio. In breve, per fare appello a questo gruppo demografico, dovrai scegliere gli influenzatori che adoreranno il tuo marchio, che siano incentivati ​​o meno, o che i consumatori di Gen Z lo sapranno, quindi per favore, niente programmi nascosti.