Il futuro del trasporto ad alta velocità è stato ipoteticamente realizzato in un nuovo rendering video VR. Nello specifico il video si concentra su come potranno essere le potenziali stazioni Hyperloop del progetto lanciato da Elon Musk nel 2013.

Durante la visione è possibile notare sia l’esperienza di viaggio in un POD(baccello), ma anche le funzionalità effettive della stazione stessa.

Ma facciamo un passo indietro e spieghiamo brevemente cosa è il mondo Hyperloop.

Cos’è l’hyperloop?

Presentato potenzialmente come il mezzo di trasporto terrestre in grado di viaggiare “più velocemente di un aereo” e “conveniente come un treno”. La tecnologia hyperloop si regge sul vactrain da vacuum train (che significa letteralmente treno sottovuoto), che altro non è che l’evoluzione della già diffusa soluzione levmag, cioè il treno a levitazione magnetica.

L’intera capsula (pod) viaggerà all’interno di tunnel dove verrà creato un vuoto d’aria stabile e permanente, che andrà a neutralizzare la resistenza aerodinamica e proietterà il mezzo a velocità altrimenti inimmaginabili (potrà arrivare a viaggiare a 1.223 chilometri orari). Il tutto sarà alimentato da motori ad induzione e compressori d’aria. La realizzazione di questa nuova concezione di trasporto, permetterà non solo alte prestazioni ed alte velocità, ma anche costi bassi e sicurezza di viaggio.

La sfida dell’Hyperloop, come già anticipato, nasce da un’idea di Elon Muskpatron di Tesla, SpaceX e The Boring Company, sfida che poi è stata raccolta da altre industrie in competizione l’una con l’altra, con il solo obiettivo di velocizzare i tempi.

Proprio per questo è stata istituita una competizione per tutte quelle aziende e/o gruppi di scienziati che vogliono cimentarsi nella realizzazione di questa idea e renderla il prima possibile realtà.

Cos’è la competizione SpaceX Hyperloop Pod?

Elon Musk ha organizzato il concorso Hyperloop Pod nel 2015 e incoraggia i team di ingegneri a produrre un prototipo di sistema di viaggio hyperloop.

Al momento il prototipo più veloce intorno alla pista di prova ha il record di velocità che si attesta a 467 km/h.

Il modello video di Delft Hyperloop

Il video rendering che ci mostra le stazioni del futuro è stato creato dalla società di computer-grafica INDG e dalla AltSpace per conto di Delft Hyperloop, il team che ha sviluppato un modello virtuale per il sistema di trasporto presso la Delft University of Technology nei Paesi Bassi.

Il video usa Amsterdam come esempio di una potenziale stazione della metropolitana collegata a una vasta rete Hyperloop con diverse città europee. Delft presenta un design d’interni minimalista, con capsule verdi e nere che arrivano alle piattaforme sotto quello che sembra un soffitto in legno.

Dopo aver scelto la destinazione, i passeggeri effettuano il check-in prima di accedere alla piattaforma richiesta attraverso cancelli automatici futuristici.

All’interno dei pod “leggeri e spaziosi”, si viene avvolti dal soffitto interattivo, praticamente un maxi schermo immersivo che simula l’ambiente esterno, facendo sentire il passeggero, come se fosse seduto all’aperto, invece che in un tunnel sottovuoto. Le capsule sono divise in diverse sezioni: la zona classica con posti a sedere disposti in file simili a quelle dei treni attuali, una sezione “social” dove godersi il ​​viaggio con amici e familiari, ed infine scomparti separati dal resto, disposti all’estremità dei pod, una sorta di zona Business, dove si possono tenere riunioni private durante il viaggio.

Fonte: Delft Hyperloop (@DelftHyperloop) | Twitter

Sarà presentato al concorso SpaceX Hyperloop Pod 2019 presso la sede di SpaceX in California.

Il team Delft Hyperloop, che gareggerà per la terza volta all’evento, dopo aver vinto nel 2017, spera che l’esperienza virtuale possa aiutare a cambiare le percezioni del pubblico sulla tecnologia.

Rieneke van Noort, capitano della squadra di Delft Hyperloop III, ha dichiarato: “Alla Delft Hyperloop, non ci concentriamo solo sulla creazione di un nuovo record di velocità per la competizione SpaceX, ma anche sul futuro a lungo termine dell’hyperloop. Attraverso la realtà virtuale, vogliamo consentire alle persone di sperimentare l’hyperloop in modo interattivo e coinvolgente. È bello vedere l’entusiasmo delle persone quando camminano attraverso la stazione hyperloop e salgono su uno dei pod”.

Sebbene la tecnologia abbia ricevuto molta attenzione da parte dei media, ci sono ancora dubbi sulla sua fattibilità come metodo di trasporto. Questo perché nessuna azienda ha ancora presentato un sistema hyperloop tecnologicamente o commercialmente valido, incluso Hyperloop One che ha avuto il sostegno del colosso Virgin.