Se sei un creatore di contenuti o se usi i social media per aumentare la consapevolezza di te o della tua attività, potresti aver sentito parlare di TikTok.

In effetti, probabilmente ne sentirai sempre di più, dato che praticamente tutti i marketer e i guru stanno cercando di convincerti ad accettarlo.
Tutto è iniziato con Gary Vaynerchuk (come sempre) a dire che TikTok era un’opportunità decisamente migliore oggi di Instagram. E ha ragione. È possibile, senza avere un solo abbonato, pubblicare un video e ottenere migliaia di visualizzazioni su di esso in 24 ore.

E questo è straordinario! La maggior parte delle piattaforme di social media non ti consente più di ottenere così tanta visibilità. Diventare virale accadeva in questo modo su Facebook e poi su Instagram. Ma poiché queste piattaforme sono state ampiamente monetizzate dal loro proprietario (Facebook), la copertura organica è diminuita di una tonnellata, rendendo molto improbabile che tu diventi virale durante la notte.

Su Instagram, puoi comunque ottenere una copertura organica interessante se hai un grande seguito e una forte strategia di hashtag. Tuttavia, il sogno di creare un nuovo account e ottenere decine di migliaia di follower entro un mese è praticamente fuori portata.
Questo è il vero potere di TikTok. Non importa se hai follower o no. Se il tuo contenuto è abbastanza buono, può diventare grande sulla piattaforma.

Risultati immagini per According to TikTok, the end of vanity metrics is near

I follower non contano

Puoi avere zero follower su TikTok e ottenere comunque visualizzazioni sui tuoi video. TikTok ha un algoritmo molto orientato al contenuto. Il tuo numero di follower non viene preso in considerazione: se alla community piace il tuo video, TikTok lo riprodurrà a un pubblico simile e così via. È così che puoi caricare un video e ottenere migliaia di visualizzazioni in pochissimo tempo.
Certo, c’è un enorme fattore di fortuna qui. L’algoritmo TikTok è abbastanza imprevedibile e potresti essere sorpreso di ciò che funziona e cosa no. Ma la ricompensa vale assolutamente la pena provare.

Gli iscritti è la metrica che determina la portata, il traffico e il successo su tutte le altre piattaforme. Se pensi a YouTube, se nessuno viene esposto ai tuoi contenuti, YouTube non lo consiglierà a nessuno perché non ha modo di sapere se le persone potrebbero apprezzarlo. Se non hai una solida base di follower, raggiungere gli hashtag su Instagram è molto difficile considerando la loro competitività. Se non hai Mi piace sulla tua pagina Facebook, letteralmente nessuno oltre a te vedrà il tuo post.

Gli abbonati è ciò che determina il traffico iniziale verso i tuoi contenuti, consentendo alla piattaforma di social media di classificare la pertinenza dei tuoi contenuti. Da quel rango, l’algoritmo raccomanderà i tuoi contenuti a persone simili.
TikTok elude il traffico iniziale e invia i tuoi contenuti a un pubblico più ampio, lasciando che le persone decidano se vale la pena guardarli.

Un’interfaccia semplificata

Quando vieni da qualsiasi altra piattaforma social, l’interfaccia dell’app può essere un po ‘sorprendente a causa di quanto sia minimalista. Il contenuto è a schermo intero, la didascalia è discreta e in fondo e alcune metriche sono sui lati.
Quando navighi nella pagina For You e passi da un video all’altro, non puoi dire quante visualizzazioni ha un video né quanti follower ha il creatore. Le uniche metriche visualizzate sono il numero di Mi piace, commenti e condivisioni. L’enfasi è chiaramente posta sul contenuto e le poche metriche visualizzate non distraggono né occupano molto spazio.

Questa scelta progettuale mostra davvero quanto TikTok apprezza il contenuto rispetto alle metriche di vanità. Inoltre, la scelta del design riduce anche l’importanza della prova sociale. Poiché queste metriche sono meno visibili, gli utenti hanno meno probabilità di gradire, iscriversi, commentare e così via in base alla popolarità di un contenuto.
TikTok si concentra sul video e l’approvazione generale dell’utente.

Risultati immagini per According to TikTok, the end of vanity metrics is near

Un futuro senza metriche

Con la crescente popolarità di TikTok e il fatto che Instagram nasconda il numero di Mi piace sui post, è lecito iniziare a chiedersi un futuro dei social media senza alcun tipo di metriche di vanità. Niente più Mi piace, niente più follower, niente più visualizzazioni, niente più prove sociali. Solo contenuto.

Il pubblico e le comunità continueranno a esistere e la loro importanza e il loro impatto saranno accessibili attraverso piattaforme di influencer come il Brand Collabs Manager di Instagram, che consente alle agenzie di trovare influencer e ottenere una migliore lettura del pubblico di questi influencer. Tuttavia, gli utenti non professionisti non avrebbero alcun tipo di metrica di vanità disponibile.

Un tale cambiamento sarebbe una rivoluzione totale nel modo in cui affrontiamo i social media. Niente più contenuti per attirare like e follower. Solo contenuti che hanno senso per le persone, contenuti che le persone amano condividere. Niente più paura di sottoperformare. Le persone si concentreranno sui loro contenuti invece di creare contenuti per aumentare le loro metriche.
Non possiamo prevedere cosa accadrà, ma possiamo dire che le cose stanno andando così. Questo è probabilmente per il meglio, poiché queste metriche di vanità sono state il focus numero uno dei creatori per anni invece della loro passione, unità o contenuto.