Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook, prevede di integrare i servizi di messaggistica dei social network – WhatsApp, Instagram e Facebook Messenger – affermando il suo controllo sulle divisioni estese della società in un momento in cui la sua attività è stata martoriata dallo scandalo.

I servizi continueranno a funzionare come app stand-alone, ma la loro infrastruttura tecnica sottostante sarà unificata, hanno dichiarato quattro persone coinvolte nello sforzo. Ciò riunirà tre delle più grandi reti di messaggistica del mondo, che tra loro hanno più di 2,6 miliardi di utenti, consentendo alle persone di comunicare attraverso le piattaforme per la prima volta.

La mossa ha il potenziale per ridefinire il modo in cui miliardi di persone usano le app per connettersi tra loro rafforzando nel contempo la presa di Facebook sugli utenti, sollevando questioni antitrust, sulla privacy e sulla sicurezza. Sottolinea anche come il signor Zuckerberg stia imponendo la sua autorità sulle unità che una volta aveva promesso di lasciare da solo.

Il piano – che è nelle fasi iniziali, con un obiettivo di completamento entro la fine di quest’anno o all’inizio del 2020 – richiede a migliaia di dipendenti di Facebook di riconfigurare il funzionamento di WhatsApp, Instagram e Facebook Messenger ai loro livelli più elementari, hanno affermato le persone coinvolte nello sforzo, chi ha parlato sulla condizione di anonimato perché la questione è confidenziale.
Il signor Zuckerberg ha anche ordinato che tutte le applicazioni includessero la crittografia end-to-end, secondo le persone, un passo importante che protegge i messaggi dall’essere visti da chiunque tranne i partecipanti a una conversazione.

In una dichiarazione, Facebook ha dichiarato di voler “costruire le migliori esperienze di messaggistica possibili; e le persone vogliono che la messaggistica sia veloce, semplice, affidabile e privata. “Ha aggiunto:” Stiamo lavorando per rendere la maggior parte dei nostri prodotti di messaggistica crittografati end-to-end e considerando modi per rendere più facile raggiungere amici e familiari attraverso le reti “.

Cucendo insieme l’infrastruttura delle app, il signor Zuckerberg spera di aumentare l’utilità di Facebook e mantenere gli utenti molto coinvolti nell’ecosistema dell’azienda. Ciò potrebbe ridurre l’appetito delle persone per i servizi di messaggistica rivali, come quelli offerti da Apple e Google. Se gli utenti possono interagire più frequentemente con le app di Facebook, la società potrebbe anche essere in grado di aumentare la propria attività pubblicitaria o aggiungere nuovi servizi generatori di entrate, hanno detto le persone.

Il cambiamento segue due anni di scrutinio del social network principale di Facebook, che è stato criticato per consentire l’ingerenza delle elezioni e la diffusione della disinformazione. Quelle e altre questioni hanno rallentato la crescita di Facebook e danneggiato la sua reputazione, sollevando le manie dei legislatori e dei regolatori di tutto il mondo. Il signor Zuckerberg ha ripetutamente chiesto scusa per i problemi e ha promesso di risolverli.

Lavorare a maglia insieme Le app di Facebook sono un netto capovolgimento della precedente posizione di Mr. Zuckerberg nei confronti di WhatsApp e Instagram, che erano società indipendenti acquisite da Facebook. Al momento delle acquisizioni, il signor Zuckerberg ha promesso a WhatsApp e Instagram molta autonomia dalla loro nuova casa madre. (Facebook Messenger è un servizio homegrown distribuito dall’app principale di Facebook nel 2014).

Più grande, più salato, più pesante: fast food dal 1986 in 3 semplici grafici
WhatsApp e Instagram sono cresciuti enormemente da allora, spingendo il signor Zuckerberg a cambiare idea, ha detto una delle persone. Ora crede che l’integrazione dei servizi più strettamente avvantaggierà l’intera “famiglia di app” di Facebook a lungo termine rendendoli più utili, ha detto la persona. Il signor Zuckerberg ha diffuso l’idea per mesi e ha iniziato a promuoverlo maggiormente con i dipendenti verso la fine del 2018, hanno detto le persone.

Lo sforzo ha causato conflitti all’interno di Facebook. I fondatori di Instagram, Kevin Systrom e Mike Krieger, hanno lasciato improvvisamente la compagnia lo scorso autunno dopo che il signor Zuckerberg ha iniziato a pesare di più. I fondatori di WhatsApp, Jan Koum e Brian Acton, se ne andarono per ragioni simili. Più di recente, dozzine di dipendenti di WhatsApp si sono scontrati con il signor Zuckerberg sul piano di integrazione su bacheche interne e durante una controversa riunione del personale a dicembre, secondo quattro persone che hanno partecipato o sono state informate sull’evento.

Il piano di integrazione solleva domande sulla privacy a causa del modo in cui i dati degli utenti possono essere condivisi tra i servizi. WhatsApp richiede attualmente solo un numero di telefono quando i nuovi utenti si registrano. Al contrario, Facebook e Facebook Messenger chiedono agli utenti di fornire la loro vera identità. Abbinare gli utenti di Facebook e Instagram alle rispettive maniglie di WhatsApp potrebbe dare una pausa a coloro che preferiscono mantenere separato l’uso di ogni app.