YouTube sta pianificando di lanciare una funzione all’interno della sua app per competere direttamente con l’app di condivisione video TikTok, riporta Le informazioni.

Shorts“, il cui lancio è previsto per la fine del 2020, è il tentativo più serio da parte di una società tecnologica della Silicon Valley di competere con l’app di proprietà cinese, che è diventata estremamente popolare nell’ultimo anno.

I cortometraggi consentiranno agli utenti di caricare brevi video in un nuovo feed all’interno dell’app mobile di YouTube. Gli utenti saranno in grado di creare video utilizzando la musica con licenza che la piattaforma ha nel suo catalogo. YouTube non ha risposto alle richieste di commenti, ma è possibile che, come la funzione “Storie” di YouTube, i cortometraggi possano inizialmente essere limitati a YouTuber con un certo numero di abbonati.

Essendo il cane di punta nella tecnologia video mobile, ha senso che YouTube salti sul carrozzone video. Secondo un rapporto di App Annie di gennaio, TikTok ha registrato una crescita del 125% negli ultimi due anni, con 842 milioni di download per la prima volta negli ultimi 12 mesi, con un aumento del 15% su base annua.

YouTube Logo

YouTube è costantemente alla ricerca di modi per competere con altre piattaforme tecnologiche, ma non riesce sempre a distogliere il pubblico dai marchi che conosce e ama. Le storie di YouTube non sono davvero decollate come hanno fatto le storie di Instagram e YouTube Premium, che originariamente è stato lanciato come YouTube Red nel 2015 come risposta all’ascesa meteorica di Netflix e Hulu, vanta solo 20 milioni di abbonati, ovvero l’1,5% dei suoi utenti base.

Per fare un confronto, Netflix ha circa 167 milioni di abbonati e Hulu ha 30,4 milioni di abbonati solo negli Stati Uniti.

Shorts avrà successo in un modo che gli altri tentativi di YouTube di imitare la concorrenza non hanno avuto? Avrebbe sicuramente maggiori possibilità di successo se si lanciasse prima piuttosto che dopo, mentre il mondo sta ancora socialmente allontanando e cercando di connettersi e creare digitalmente.

Entrambe le app hanno un set demografico più giovane, con TikTok più popolare tra gli utenti di sesso femminile e YouTube più popolare tra gli utenti di sesso maschile. I tre principali tipi più popolari di video di YouTube sono video di recensioni di prodotti, video dimostrativi e vlog, mentre i creatori di contenuti più popolari su TikTok generalmente si impegnano a condividere musica, ballare e sincronizzare le labbra, suggerendo che gli utenti interagiscono con le app in diversi modi.

INDIA-MEDIA-TIKTOK

Tuttavia, gli utenti potrebbero essere interessati a impegnarsi maggiormente con YouTube Shorts su TikTok a causa delle controversie che circondano TikTok come app di proprietà cinese.

“I moderatori di TikTok hanno un enorme potere non solo di rimuovere o minimizzare determinati contenuti, ma anche di promuovere e amplificare altri contenuti“, ha affermato Sarah Cook, senior analyst di ricerca per Cina, Hong Kong e Taiwan presso Freedom House, una ONG che ricerca e sostiene democrazia, libertà politica e diritti umani.

In Cina, abbiamo sicuramente visto ByteDance, la casa madre di TikTok fare entrambe le cose per volere del governo cinese. E mentre la giurisdizione legale è diversa al di fuori della Cina, la pressione politica per seguire la linea del partito è la stessa e le potenziali ramificazioni personali per i dirigenti delle società possono ancora essere molto gravi. ”

TikTok ha respinto le accuse secondo cui usano o manipolano i dati, dicendo che mantiene tutti i dati degli utenti statunitensi negli Stati Uniti, con un server di backup a Singapore. Secondo un post pubblicato nell’ottobre 2019: “Cerchiamo di essere molto chiari: TikTok non rimuove i contenuti in base alle sensibilità legate alla Cina.

Il governo cinese non ci ha mai chiesto di rimuovere alcun contenuto e non lo farebbe se richiesto. Periodo. Il nostro team di moderazione degli Stati Uniti, guidato dalla California, esamina i contenuti per aderire alle nostre politiche statunitensi, proprio come le altre società statunitensi nel nostro spazio. ”

Tuttavia, Cook ha affermato che parte della preoccupazione per piattaforme come TikTok che vanno a livello globale è che prendono piede nell’infrastruttura di informazioni di altri paesi.

Anche se quell’influenza non viene utilizzata ora per manipolare la conversazione in modi politicamente problematici, è probabilmente solo una questione di tempo prima che cambi.” Cook ha citato i vari esempi di manipolazione e censura dei contenuti di WeChat su argomenti come le proteste di Hong Kong e l’epidemia di coronavirus, o l’uso di Twitter da parte di diplomatici cinesi, media statali e robot di Twitter per spingere in modo palesemente falsa disinformazione relativa al coronavirus.

Group of teenage girls using their cell phones

Ma la domanda rimane: l’utente medio di Gen Z con l’intervallo di attenzione degno di TikTok (circa 60 secondi) si preoccuperà degli interessi della sicurezza nazionale abbastanza da ruotare su una nuova piattaforma?

Probabilmente no. YouTube potrebbe dover tirare fuori un braccone (un Microsoft Mixer che ruba il commentatore di videogiochi Ninja dal Twitch di Amazon) abbastanza convincente da convincere i capricci della loro fedeltà al marchio. Abbiamo sentito che Charli d’Amelio è la più grande star di TikTok. Forse YouTube potrebbe attirare lei e il suo pubblico.